le idee > blog > Periferie al centro
16 FEBBRAIO 2018

Periferie al centro

Lunedì sera, con Giorgio Gori e altri amici con cui condivido impegno e passione politica, sono stato alle case bianche di via Salomone. Caseggiati alti con tante finestrone, tutte uguali, una vicina all'altra, nel vecchio quartiere che i milanesi chiamano "la Trecca", dove vivono 477 nuclei familiari, oltre 1000 persone.  

 

Il disagio e l'incuria li avverti subìto: tra muri scrostati e pareti foderate di amianto, c'è la rabbia degli inquilini, dei tanti anziani o disabili che non possono andare a fare la spesa perché abitano all'ottavo piano e gli ascensori non funzionano.

Un luogo che è diventato simbolo della mala gestione delle case di edilizia residenziale popolare da parte di Aler, dove a marzo dell'anno scorso arrivò pure Papa Francesco, che in qualche modo fece il "miracolo", perché furono sbloccati 6.5 milioni di euro per la manutenzione urgente. Ma è evidente che tutto questo non basta, che soprattutto sul tema delle case popolari bisogna fare meglio, come scrive nel suo progetto per la Lombardia Giorgio Gori.

 

Le periferie sono state al centro dell'azione di governo del Partito Democratico, che si è concretizzata con un piano straordinario da parte del Comune di Milano, e lo sono - adesso - della campagna del nostro candidato per la Regione. Per rilanciare il nostro impegno e l'attenzione sul tema, proprio di periferie parleremo martedì 20 ad un evento al Teatro Milano, con Giorgio Gori, Paolo Gentiloni, Anna Scavuzzo, don Gino Rigoldi e Santo Minniti.  

 

Attorno al lavoro, la cultura, il welfare possono ripartire interi quartieri: è ridisegnando la mappa dei territori, partendo dal recupero degli spazi, con la nascita di imprese sociali o associazioni culturali, che si possono riaccendere le luci, che si crea lavoro e si accompagna la nascita di progetti che restituiscono dignità e speranza a chi vive negli "angoli" delle città.
Angoli che ci impegneremo, con sempre più tenacia, passione e convinzione, a connettere al "centro", perché di chi ci vive ne siano raccolte speranze, paure, necessità e sogni.