le idee > blog > Inscì
15 MAGGIO 2017

Inscì

Questa mattina aprendo le pagine di uno dei principali quotidiani nazionali mi sono sorpreso nel leggere due articoli.
In uno ho trovato raccontato l’impegno del PD e di tanti amministratori a livello metropolitano per rendere possibile un’accoglienza aperta e diffusa, nell'altro ipotesi di contestazioni nell’ambito della nostra partecipazione alla marcia del 20 maggio.

Trovo incredibile che si pensi di contestare il partito che, più di tutti, lavora concretamente  e costantemente per l’accoglienza.

Sabato scorso, al convegno sull’integrazione della comunità latino americana, abbiamo ragionato su quanto sia indispensabile garantire il rispetto delle regole e dei controlli, rispetto che le comunità straniere rivendicano per prime, affinché il rapporto di fiducia alla base dell’accoglienza non ne venga scalfito.

Per affermare la legalità e i diritti dobbiamo, infatti, essere credibili sul piano del contrasto all’illegalità. 

E in questa direzione va anche il protocollo che circa ottanta sindaci firmeranno questa settimana. Un patto che, non solo, solidifica il rapporto fra prefettura ed enti locali ma rende la gestione dei flussi meno casuale, coniugando due principi che devono assolutamente viaggiare insieme: inclusione sociale e sicurezza.
Un risultato straordinario, il cui effetto è quello di allentare il carico in capo ai singoli comuni, diminuendo il rischio di tensioni sociali che alimentano la paura.  

Ed è in questo spazio che dobbiamo combattere la nostra battaglia: è compito nostro attuare politiche che riducano quelle paure, cavalcate invece dai populisti.

Su queste questioni non ci sono in gioco solo le prossime elezioni, ma il futuro della nostra democrazia: ci vogliono coraggio e ostinazione, nel mettere in atto una politica lungimirante e non dettata dal breve periodo, inseguendo il consenso elettorale.

Per questo il 20 maggio non possiamo mancare.
Siamo in prima linea contro i muri: lo sono i nostri amministratori e i nostri militanti che contrastano quotidianamente le politiche nemiche dell’integrazione.

Ci saremo, consapevoli che il binomio accoglienza e sicurezza sia la nostra priorità e che lavoreremo senza sosta per Milano metropolitana, sempre più città democratica, inclusiva e sicura per tutti.